Il ponte dell’arcobaleno

Ad aspettarti Emi, con Odi e Ringhio.

Vi immagino di nuovo così, come nella foto.

Tutti diranno ma era solo un cane.

No, tu eri Poldo, il mio cane.

L’anarchico anaffettivo.

Che ha condiviso con me le mie troppe lacrime.

Presente nella tua anarchia, tenero nella tua anaffettività.

Ci sei stato, nel tuo modo di essere.

Ynwa, Poldolone

 

Una risposta a “Il ponte dell’arcobaleno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.