What’s My Destiny DrangonBall

Fantazoo, per noi solo Alvaro e Camilla, il bue dalla parlata romanesca e la tartaruga toscanaccia fino al midollo. E ancora la Pimpa, cagnolina bianca a pois rossi, Topolino, fumetto che divoravi. Poi, su tutti, DragonBall… What’s My Destiny DrangonBall.

Mi sembra di sentirti cantare la sigla di quel cartone animato, e capisco la tua adulta passione per i Manga, che nasce proprio da Goku e compagni.

Ecco, con loro il cassetto dei ricordi della tua infanzia si schiude lentamente, lasciando trapelare te bambino. Doloroso passaggio che però, ora, sembra necessario, consapevolezza docet. Non riuscivo a rammentarla, tiretto chiuso a chiave a custodire gelosamente la tua fanciullezza.

E invece vivere quello che amavi è stato tornare indietro nel tempo, e ridarti sembianze da fanciullo. Funesto passaggio questo, che però, come tutto il resto, va vissuto, a cercare di rimettere insieme un puzzle che appare incomprensibile e amaro.

Perchè, diversamente, mi sembra di perderti di nuovo.

Non è scevro da lacrime e sofferenza tutto questo, al supplizio della rimembranza si aggiunge il desiderio, profondo e incontrollabile, di voler tornare al tempo che fu, e mai più sarà.

Ma ritrovarti nei cartoni animati, nei tuoi cartoons, è l’aspetto che rende un po’ più lieve il mio tormento.

Riaverti, nelle cose belle e a te care.

Anche se ora pesa, immensamente, a togliere il fiato, a trafiggere il cuore.

Il mio cuore sempre ormai diviso a metà, tra terra e cielo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.