Vita strappata alla vita

Un’altra vita strappata alla vita. A lasciare tutti immobili e indifesi. Eternamente in bilico tra ciò che poteva e doveva essere, e ciò che sarà mai più.

Mano ignobile e assassina, a portarsi via un altro ragazzo di ventisei anni, che aveva il diritto di vivere. Innocenzo, crudelmente strappato alla terra, proprio mentre si dedicava a lei.

Crudele gioco del destino. E Vallerano e Vignanello, di nuovo piegati da una sofferenza indescrivibile, a piangersi un altro giovane. Un altro pezzo di futuro.

Non trattengo le mie lacrime, mentre frullo nella mia testa pensieri che non hanno aggettivi. Altro filo invisibile mi lega all’ennesima mamma che da ieri pomeriggio sopravviverà inchiodata tra terra e cielo.

E maledirà quel destino infame, chiedendosi il motivo per cui ha aspettato proprio il suo Innocenzo al varco. Perché lui? Quesito asettico, che mai troverà soddisfazione.

E che resterà per sempre marchiato a fuoco nell’anima, senza mai affievolirsi. E accompagnerà noi mamme tra terra e cielo, fino alla fine della nostra sdrucita esistenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.