Diciotto lune

Diciotto lune, trascorse a guardare le sue facce, a scandire il tempo della tua assenza. Cosi ho cavalcato questi diciotto mesi.

Specchiandomi in una realtà che schiaccia senza pietà. Confusa tra ricordi e rabbia, a cercarti ovunque e a maledire tutto ciò in cui ti trovo. Perché fa male da morire, fare i conti con una esistenza svuotata di te.

Tante belle parole, a volermi confortare su una situazione irreversibilmente compromessa. Ma, senza ipocrisia, noi genitori tra terra e cielo siamo, sine die, compromessi e condannati.

Anche il vocabolario ci nega una pseudo identità, sciocca considerazione questa perché, in fondo, trovarmi in un dizionario non  mi avrebbe consolato.

È condizione maledettamente innaturale, ed è impossibile raccontare certi sentimenti. Restiamo così, appesi in una vita mutata , a cercare di sopravvivere a tutto, ma anche al suo contrario.

Mi manchi tanto vita mia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.